Tutti i bambini su questa terra  hanno diritto alla vita

                                                  Noi aiuteremo sempre gli ultimi 

Noi siamo orgogliosi di essere presenti in quelle remote parti del mondo spesso dimenticate dove nessuno nell era moderna vuole mettere piede, il nostro aiuto e contributo e’ spesso determinante per la sopravivenza di queste persone, a cui manca tutto comprese le cose essenziali per restare in vita quali acqua e cibo.  Noi vorremmo essere sempre tra l avvoltoio e il bambino simbolo dell aiuto che anche tu puoi dare facendo una semplice donazione, perche’ noi sempre esisteremo e sempre saremo li ad aiutare se anche tu ci aiuti.

Non abbandonare questa pagina senza aver fatto anche solo una piccola donazione , il tuo interesse e’ un importante segno di aiuto, il bambino e' li che aspetta, pero ricordati sempre che anche l avvoltoio e' li che aspetta che tu non lo faccia.

UNA DONAZIONE FATTA CON IL CUORE

SARA' IL MOMENTO CHE TI FARA' SENTIRE PIU' FELICE

Sottoscrivendo una DONAZIONE REGOLARE con noi ogni fine anno parteciperai a una LOTTERIA A PREMI DOVE POTRAI VINCERE FINO A                                               100.000 EURO

La lotteria e' sponsorizzata da 2 importanti nostri donatori per supportare maggiormente la nostra raccolta fondi, i fondi della donazione non saranno in alcun modo utilizzati per la costituzione del premio della lotteria          +info

243

3654

PROGETTI SOSTENUTI

E/O IN CORSO 

INTERVENTI DI

SOCCORSO

1.750.000

PERSONE SOCCORSE

PER SOSTENERE LE NOSTRE ATTIVITA'

1,5%

PER RACCOGLIERE FONDI PER SALVARE ANCORA PIU PERSONE

13,5%

85%

SALVARE BAMBINI E PERSONE BISOGNOSE

download_edited.png

ogni bambino su questa terra dovrebbe vivere una vita felice e spensierata essere sorridente. Ha diritto a prendersi tutto il tempo necessario, e anche perdere del tempo. Ogni bambino ha diritto al tempo libero per poter giocare all’aria aperta da solo o in compagnia, per poter fantasticare e crescere dovrebbe avere dei genitori e degli insegnanti che lo accudiscono e istruiscono. Tutti i bambini hanno diritto a coltivare i propri sogni e avere la possibilità di realizzarli. Gli adulti devrebbero sostenerli e incoraggiarli a non mollare mai, affinché credano sempre nelle loro potenzialità. Un bambino felice, domani sarà un adulto migliore.

download_edited.png
              

Oggi si produce più cibo di quello consumato, tanto da far parlare di lotta allo spreco alimentare. Nonostante le iniziative in atto si stima che nel 2030 si arriverà a gettare via 2,1 tonnellate di cibo

Numeri impressionanti quelli relativi allo spreco alimentare: ogni anno, nel mondo, si gettano 1,3 miliardi di tonnellate di cibo (1/3 della produzione mondiale), mentre 795 milioni di persone soffrono la fame. Il paradosso è che, al giorno d’oggi, di cibo ce n’è tanto, addirittura si produce più cibo di quello consumato, tanto da parlare di lotta allo spreco alimentare e alla perdita di cibo.

              

Ogni sei secondi, un bambino muore di fame. Accade nel Corno d'Africa funestato dalla siccità, ma anche nel Punjab pachistano piegato dalle alluvioni o nella Repubblica popolare nordcoreana affamata da annose carestie. Altri bimbi sono invece uccisi nel corso dei conflitti, delle violenze tribali o delle guerre politiche che insanguinano la Siria, il Sud Sudan, l'Iraq, la Costa d'Avorio, lo Yemen o anche i Territori palestinesi. In questi contesti, altrettanto vulnerabili appaiono le donne, che sono spesso le madri di questi piccoli denutriti. Per salvarli tutti, scongiurando altre morti inutili quanto scandalose, servono soldi. Basterebbero 1,3 miliardi di dollari per salvare cento milioni di bambini. 

              

Nonostante gli importanti progressi degli ultimi dieci anni, i bambini dell’Africa Subsahariana rappresentano più della metà di tutti i minori che, sebbene in età scolare, non vanno mai a scuola. Ad essi si aggiungono milioni di bambini che frequentano la scuola ma per la scarsa qualità dell'insegnamento o per altri ostacoli apprendono ben poco.

 

Nella Giornata del Bambino Africano (Day of the African Child), che si celebra ogni anno il 16 giugno, secondo i rapporti dell’UNICEF e dell’Istituto per le Statistiche dell’UNESCO, oltre 30 milioni di bambini in età da scuola primaria in Africa Subsahariana non frequentano le scuole. Più di due terzi di essi vivono nell'Africa Centrale e Occidentale

 

 

 

Dall'inizio della guerra in Siria sono nati più di 4 milioni di bambini che non conoscono altro che bombardamenti, distruzione, fughe, privazioni, dolore e morte. Non meraviglia che più di un terzo dei bambini siriani oggi si senta sempre o frequentemente angosciato, insicuro e solo. Mentre il conflitto e' entrato nel suo nono anno, ipiù della metà dei bambini siriani è bisognoso di assistenza umanitaria, un terzo è senza scuola e almeno 2,5 milioni sono sfollati all’interno del Paese. Il 30% dei bambini intervistati ha dichiarato di non sentirsi al sicuro. Povertà e disoccupazione causate dal conflitto hanno minato la stabilità delle famiglie e forzato ragazzi che dovrebbero andare a scuola a svolgere lavori pericolosi o a sposarsi precocemente (lo conferma il 65% delle bambine e ragazze). I tassi di malnutrizione, malattia e disabilità sono aumentati a dismisura durante il conflitto.

I disegni mostrano le giornate in Siria attraverso gli occhi dei bambini, tra morte e paura
download_edited.png

Aiutiamo gli ultimi

ASSOCIAZIONE UMANITARIA DI BENEFICENZA INTERNAZIONALE   ' NO PROFIT '
  • Twitter -HELP YOU
  • Facebook - HELP YOU
  • HELP YOU

SERVIZIO SOSTENITORI e DIVULGATORI MULTIMEDIALI